lunedì 22 luglio 2013

Le mie poesie...




 La tua presenza  

A volte muta, carezzevole, dolcemente in punta di piedi
sin dal primo momento, quando cercando un tuo sguardo
sentivo un’ombra da brivido lungo la schiena nel lato più
oscuro e misterioso del sentire umano .
La presenza del femminile arcaico che si muove in penombra
e penetra negli anfratti più reconditi dell’anima ,
le mie mani che sfiorano la tua pelle vellutata,
poi il sogno di un abbraccio intenso, profondo, vivo, 
intrecciato e perso in una danza avvolgente e sensuale:
una danza cosmica intrisa di essenze di bosco
e di luci magiche di notti  d’estate
Sento la tua presenza, lo stupore arcaico di un antico rito
che d’improvviso si svela nell’alchemico mistero della magia dell’incontro.

Pino Tartaglia

Rapporto compensativo e rapporto complementare

C'è differenza tra un rapporto compensativo ed un rapporto complementare. Un rapporto compensativo non è un rapporto complementare. Il r...