lunedì 22 luglio 2013

Le mie poesie...




 La tua presenza  

A volte muta, carezzevole, dolcemente in punta di piedi
sin dal primo momento, quando cercando un tuo sguardo
sentivo un’ombra da brivido lungo la schiena nel lato più
oscuro e misterioso del sentire umano .
La presenza del femminile arcaico che si muove in penombra
e penetra negli anfratti più reconditi dell’anima ,
le mie mani che sfiorano la tua pelle vellutata,
poi il sogno di un abbraccio intenso, profondo, vivo, 
intrecciato e perso in una danza avvolgente e sensuale:
una danza cosmica intrisa di essenze di bosco
e di luci magiche di notti  d’estate
Sento la tua presenza, lo stupore arcaico di un antico rito
che d’improvviso si svela nell’alchemico mistero della magia dell’incontro.

Pino Tartaglia

La domanda del giorno: " ma cos'è questo perdono?"...

Gesù disse: ... "perdonare di vero cuore sempre e subito" senza mai permettere al rancore di avvelenare il cuore neanche per un at...