giovedì 26 aprile 2018

Seno materno e fiducia di base nella vita...


Ho sempre sottolineato, su questo Blog, l'importanza della fiducia di base nella vita e nelle relazioni, quindi, l'importanza della fase dell'allattamento del bambino nello sviluppo psico-affettivo. In sanscrito "Latte" vuol dire fiducia. Pensate un pò il nostro cervello attraverso il seno materno secerne la sostanza della fiducia. Conseguenza immediata è la capacità di provare l'esperienza primaria della gratitudine e dell'appagamento. Il sentimento d'amore parte da qui. 

martedì 24 aprile 2018

Innamorarsi con "occhi e sguardo aperti"...


"Amare non è dare, è essere aperti": diceva il caro maestro Lowen.
Difficilmente, nella vita, amiamo ed incontriamo la persona reale, ma solo un surrogato idealizzato del nostro modello mentale che collochiamo su altri. I rapporti spesso finiscono male proprio perché l'altro diventa una nostra "invenzione proiettiva". Trasformare l'altro/a in un qualcosa che vogliamo far assomigliare non solo a noi, ma all'immagine mentale che ci portiamo dentro, prima o poi sfocia nella noia, perché l'altro vero lo perdiamo progressivamente. Ognuno si innamora della propria immagine e succede poi che si va in giro a lamentarsi che la donna giusta o l'uomo giusto è difficile da trovare. Ho proposto al Gruppo Psicosomatica l'idea di innamorarsi in modo nuovo, più adulto per incontrare la persona reale, non le nostre illusioni, "innamorarsi ad occhi aperti". Occhi aperti alla percezione vera di se e dell'altro, non occhi centrati sempre su se stessi, che vedono solo il proprio ego e bisogni proiettati sul mondo. Un nuovo sguardo capace di focalizzare e riconoscere l'altro reale decentrandosi dal proprio ego e dal narcisismo proiettivo. 

domenica 22 aprile 2018

Cos'è la coscienza...?

Esiste una coscienza che non è banale capire, non è il banale giudizio che diamo alle cose, non nasce dal senso di colpa e non s'identifica col banale buonsenso o la presunta saggezza spacciata a buon mercato. La coscienza vera non è mai mentale. Vi è una coscienza silenziosa e profonda, invece, che non ha parole ne dialoghi interiori che è percettiva, intuitiva, ampia ,sferica che raccoglie e unicizza in se la comprensione istintiva, emozionale, psichica ed il respiro profondo. Ancora, esiste a mio avviso una coscienza profonda universale nel nostro inconscio collettivo che ha dimensione sovra personale e planetaria: una "coscienza dell'essere alle radici della vita" che va accolta e approfondita perchè sta lentamente germogliando nel nostro cervello attuale come una struttura inconscia emergente.

lunedì 9 aprile 2018

La capacità di riconoscere se stessi ed altro da sè, si situa sul confine tra Narciso ed Alterità...

La capacità di riconoscere se stessi ed altro da se si situa sul confine tra narciso ed alterità...
Il confine tra narciso e alterità è lo spazio stretto-ampio dell'amore (della capacità d'amare). Quindi percezione del vero sè, della propria dignità, della propria essenza: da qui parte una nuova coscienza dell'esser donna e ...uomini: il territorio del rispetto e del riconoscimento. Molto femminismo ha basato, purtroppo, il riscatto del femminile sulla ipertrofizzazione dell'Animus, cosa molto pericolosa, perchè esclude comunque la dimensione dell'altro ed alimenta la risposta aggressiva che riporta indietro, alla richiusura nell'involucro narcisistico, in una sorta di ciclo eterno senza via d'uscita. 

mercoledì 4 aprile 2018

L'amore attraversa fasi evolutive....


"L'amore richiede stati superiori di consapevolezza e di bioenergia: ognuno trova l'amore al livello in cui si trova". Chi è disperato trova un amore disperato, chi è affamato trova la prima cosa da mettere tra i denti, chi cerca la passione trova il caos, chi cerca l'amore idealizzato che ha nella testa inciamperà rovinosamente nella realtà, chi cerca la conferma di se stesso troverà un inutile freddo specchio delle sue brame. L'amore è tutto il nostro mondo interno che s'incarna nella realtà dell'incontro: è inutile e triste esercizio dare colpe all'altro e non conoscere se stessi.

L'amore...è

L’amore ci rende fragili-forti perché rompe i confini dell’ego, ci disorienta nello spazio-tempo e spinge verso l’universo , fa perder...