sabato 7 luglio 2018

L'amore...è


L’amore ci rende fragili-forti perché rompe i confini dell’ego, ci disorienta nello spazio-tempo e spinge verso l’universo , fa perdere confini e punti d’orientamento sbalzandoci nell'ingovernabilità; diventi, fiume, mare, galassia non decidi piu niente…finalmente ti lasci prendere, finalmente condividi, esci dall'egoismo, esci dal mito di Narciso, scegli l’umiltà: la tua fragilità diventa la cosa più preziosa al mondo perché essa ti rende umano gioioso, bambino, maturo, vero. Ti spinge fuori dal tempo: non hai più bisogno di sapere quanto durerà, se è giusto o no, se domani ci sarà o no, sei nel presente; il passato diventa realmente passato, il futuro non c’è, diventi fiume che scorre che vive nell'attimo. La mente diventa ragionevole e abbandona la razionalità.

sabato 19 maggio 2018

Rapporto compensativo e rapporto complementare

C'è differenza tra un rapporto compensativo ed un rapporto complementare.
Un rapporto compensativo non è un rapporto complementare. Il rapporto compensativo si basa su aspetti immaturi della personalità, parte in "perdita", l'energia di ognuno colma i vuoti dell'altro. Siccome i vuoti di personalità sono "buchi neri" il rapporto si esaurisce ad un livello energetico basso che porterà poi scompensi anche sul piano della salute! Il rapporto complementare nasce, invece, sul mettere insieme le proprie energie e va nella direzione della costruzione di un modo nuovo e creativo di essere insieme al mondo. Quelli che hanno buchi neri succhiano da vampiri energetici fino al midollo il proprio partner. 

giovedì 17 maggio 2018

La rabbia cronica spegne l'intelletto

“La rabbia è una raffica di vento che spegne la lampada dell’intelligenza."(R.Ingersoll). Personalmente non sono per principio contro la rabbia, la rabbia aiuta ad uscire dall'oppressione e dal lamento. Ma attenzione! gli arrabbiati cronici, invece, vivono tutta la loro esistenza in funzione della rabbia: "sono asserviti alla loro rabbia ma non la sanno governare. Tutti i movimenti sociali e politici governati da rabbiosi cronici ed intolleranti portano le istituzioni al disastro ed all'autoritarismo. 

venerdì 11 maggio 2018

Dolcemente complicate?

Le donne sono donne, sono straordinariamente diverse e creative...
Non ho mai condiviso quel termine che definisce le donne "complicate". "Dolcemente Complicate" è una visione al maschile della donna La donna non è complicata, è l'incapacità della mente maschile a comprendere la natura creativa del femminile che fa usare il termine complicato.

giovedì 10 maggio 2018

Il come della psicoterapia


La psicoterapia psicosomatica non è un insieme di tecniche, regolette pedisseque da applicare o una comoda presunta asetticità relazionale. La psicoterapia è intuizione, creatività, capacità e padronanza di emozione, respiro e sentimento: è arte della comunicazione, è esperienza di vita. Un buon terapeuta è un guerriero che attraverso il suo processo d'individuazione e di conoscenza profonda di se stesso sa rischiare la contaminazione relazionale senza bunker tecnici dove nascondere la propria emozionalità. La psicoterapia è più vicina all'arte che alla scienza (diceva il maestro Aldo Carotenuto). 

lunedì 7 maggio 2018

Molliamo gli ormeggi...tracciamo noi il nostro destino

Usciamo dalle prigioni della nostra storia personale, andiamo verso rotte nuove per incontrare il nostro vero sé, non le cose scontate di sempre. 
Abbandoniamo il destino che altri hanno tracciato per noi, partiamo con coraggio verso la nostra meta. Non è un compito da aggiungere ad altri ma solo un'illuminazione vera e profonda del nostro essere. 

venerdì 4 maggio 2018

Perchè gli amori finiscono ?

"Gli amori finiscono per prepararti ed aprirti ai nuovi amori che verranno". Il processo evolutivo della vita va continuamente verso nuovi stati ed assetti di energia vitale e di organizzazione dei sistemi viventi. Tutto ciò che frena o ostacola tale processo porta irrimediabilmente alla stasi ed alla malattia. L'energia che non spendi per vivere può diventare insonnia o "attacchi di panico". Il vivere rivolto alla conservazione, alla staticità, la paura del divenire con lo sguardo al passato può diventare depressione. Lo sguardo sempre rivolto al futuro diventa maniacalità e incapacità a vivere nel presente. L'amore che non hai mai dato e ricevuto accumula rabbia, la rabbia intossica l'organismo ed il cuore. La cultura in cui viviamo produce valori e significati spesso in contrasto con il funzionamento naturale della vita. Il "per sempre" continua ad inquinare le menti che pensano all'amore eterno , senza evoluzione, crescita e cambiamento , ad amori imbalsamati che crollano davanti ai continui mutamenti dell'esistenza, compresi quelli climatici. Il trionfo dell'ego-ismo sta portando alla distruzione del pianeta. Ci sono parole nella nostra testa che rappresentano il cancro dell'amore": parliamone, mettiamoci in discussione, capire e ragionare sui sentimenti, fallimento, impegno, amore con la A maiuscola, amore vero, la chimica dell'amore ed infine "giri immensi e poi ritornano", con buona pace del Venditti, sono amori malati, intrappolati, incapaci ad evolversi e finiscono nella stagnazione dell'energia vitale. Tutto ciò che ristagna nella nostra vita, in primis la capacità d'amare, crea una pericolosa palude dove s'insinua l'indebolimento del sistema immunitario e la malattia. 

L'amore...è

L’amore ci rende fragili-forti perché rompe i confini dell’ego, ci disorienta nello spazio-tempo e spinge verso l’universo , fa perder...